Condividi
Torna in Emilia Romagna la Giulia Basket Giulianova chiamata ad affrontare la difficile trasferta sul campo della corazzata Rimini, nome storico nel panorama nazionale e chiamata a un campionato di vertice per rinverdire i fasti di un passato neanche troppo lontano fatto di serie A2 e anche A1. La Rinascita Basket Rimini, sodalizio che nei cuori dei tifosi riminesi ha preso il posto di Basket Rimini e Crabs Rimini, si presenta a questa gara forte dei 10 punti in classifica, a soli 4 punti dalla vetta occupata da Roseto, ottenuti in gran parte grazie alla striscia di 4 vittorie nelle ultime 5 uscite..
Rimini in estate ha costruito un roster attrezzato per lottare per il piano superiore. Il primo tassello è stato coach Mattia Ferrari, che dopo sette anni torna in cadetteria dopo averla vinta con Legnano nel 2014. Tutti i reparti sono profondi e ben assortiti dando allo staff tecnico la possibilità di sfruttare rotazioni molto ampie. Tanti i nomi importanti nel roster riminese a partire dal settore lunghi formato da “califfi” come Tommaso Rinaldi, Marco Arrigoni e Stefano Masciadri. Nello spot di ala piccola si divideranno minuti e responsabilità l’esperto Francesco Bedetti e il giovane Borislav Mladenov. Molta qualità anche nel settore play e guardie a partire da Andrea Saccaggi, un lusso per la categoria, per finire con Eugenio Rivali e Andrea Tassinari, rientrato dopo la squalifica per doping rimediata alle finali nazionali 3×3.
Giulianova, alla ricerca di punti per muovere la classifica, vuole definitivamente mettersi alla spalle gli ultimi risultati negativi che l’hanno fatta scivolare indietro. La trasferta riminese è senza ombra di dubbio molto ostica ma Di Carmine e soci sono chiamati a una prova solida, anche in vista delle prossime gare di campionato che vedranno i giallorossi giocare in casa tre delle successive quattro gare.
Giovanni Montuori, vice allenatore del Giulia Basket Giulianova, la vede così: “Rimini ha 10 punti ma con una partita in meno perché deve recuperare una partita. Giocano molto bene ma soprattutto hanno una qualità spalmata su tutti i ruoli con tanti giocatori importanti. Da Rivali a Tassinari che sono i due playmaker, a Saccaggi che l’anno scorso ha fatto la finale con Agrigento, due lunghi importanti come Masciadri e Rinaldi e un giocatore di serie B dominante come Arrigoni, più giovani dal settore giovanile molto valido come quello riminese. Sarò magari un po’ ripetitivo, e vale un po’ per tutte le partite oltre cje per quella di domenica, dovremo essere bravi a mantenere un impatto fisico importante per più minuti possibili, penso sarà la chiave non solo della gara con Rimini ma un po’ in tutte le gare di questo campionato, visto l’alto livello delle squadre presenti nel girone”
Appuntamento con la palla a due, domenica 28 novembre alle ore 18:00, sul parquet del PalaFlaminio di Rimini (RN); arbitreranno i sigg. Nicola Alessi di Lugo (RA) e Davide Cirinei di Pisa (PI)
La partita sarà visibile in live streaming sulla piattaforma LNP-Pass https://lnppass.legapallacanestro.com