Condividi
Contro Chieti, una delle squadre più attrezzate del girone, sul parquet del PalaTricalle per la Globo Giulianova è giunta una sconfitta nel primo derby del girone di ritorno. Il +26 (87-61) finale premia con merito i ragazzi di coach Sorgentone che hanno disputato una gara attenta e praticamente senza errori, mettendo in bella mostra le individualità di Sanna, Ruggiero e Stanic autori di una gara senza sbavature. Giulianova alle prese con le assenze di Cardellini e Gobbato, con quest’ultimo in panchina per onor di firma, ha fatto esordire il neo acquisto Balic, per lui subito una gara in doppia cifra, ma le basse percentuali al tiro dei giallorossi (17/38 da 2 e 5/25 da 3) hanno pesato in maniera decisiva nei momenti chiave della gara. In casa Globo da rimarcare la prestazione del mai domo Hidalgo, migliore marcatore giallorosso con 21 punti messi a referto.
Giulianova, complice le assenze dei già citati Cardellini e Gobbato, sceglieva di iniziare la gara con Balic in posizione di play, Piccone e Hidalgo esterni, Markus e Fall sotto canestro mentre i padroni di casa rispondevano con Stanic, Ruggiero,Sanna e la coppia Rezzano e Ponziani a presidiare sotto le plance.
L’inizio gara era di marca teatina con i padroni di casa che, guidati dall’ottimo Stanic, trovavano buone soluzioni offensive con Sanna e Ruggiero. Per la Globo le maggiori opportunità in attacco erano per Yande Fall che nei primi 3′ aveva messo a segno già 3 punti (11-3 al 3′). Il sesto punto di Stanic portava i suoi sul +12 (15-3 al 5′) con coach Ciocca che era costretto a mettere mano al quintetto, inserendo in campo in rapida successione i giovani Sebastianelli e Chiti al posto di Piccone e Markus. L’inserimento dell’ex Udine dava nuova linfa alla fase offensiva giallorossa (17-8 al 8′) che iniziava a mettersi in moto, seppur penalizzata dalle basse percentuali al tiro: solo 4/14 dal campo (22-12 al 10′).
Markus con 2 canestri in rapida successione riportava i giallorossi con soli due possessi di svantaggio (22-16 al 12′), poi ci pensava Hidalgo con un 2+1 a riaprire completamente la gara (22-19). Per il primo canestro giallorosso di Balic bisognava aspettare il 14′ ma l’attesa era ripagata dalla tripla che manteneva la Globo a contatto (25-22). Chieti rispondeva però da grande squadra e nell’arco di 2′ piazzava un parziale di 8-0, con Rezzano e Di Carmine protagonisti, che riportava indietro la Globo a quattro possessi di distanza dai teatini (33-22 al 16’30). Giulianova si sbloccava con Piccoli e Piccone ma Chieti non mollava di un centimetro e con Meluzzi trovava la tripla del +13 (40-27). Hidalgo non ci stava e nell’ultimo minuto con 5 punti, inclusa una bomba a fil di sirena, riportava la Globo a -10 (42-32 al 20′).
Al ritorno in campo dopo la pausa lunga dopo 3′ di gioco coach Ciocca era costretto a mandare in panchina Markus, autore fin lì di una buona prestazione, perchè gravato di 4 falli (48-34 al 23′). La fase offensiva però continuava a dare qualche grattacapo di troppo perchè, a fronte di buone scelte di tiro, le percentuali non sorridevano ai giallorossi consentendo così ai padroni di casa di toccare il massimo vantaggio sul +17 (51-34 al 24′). Dopo aver toccato il -21 (55-34) Giulianova provava a risalire la china con Balic (55-37 al 27′) ma dall’altra parte del parquet Chieti, con Sanna sugli scudi, sbagliava poco e niente chiudendo il terzo periodo in vantaggio di 20 lunghezze (61-41).
Balic dall’arco provava a mantenere in vita la partita (61-44 al 31′) ma i padroni di casa rispondevano prontamente grazie all’ottimo Ruggiero che nell’arco di 30″ raddrizzava le sue percentuali dalla lunga distanza (67-44 al 32′) e la partita in pratica finiva lì. Gli ultimi 8′ servivano infatti solo per aggiustare statistiche e tabellini personali fino al che chiudeva la gara.

Teate Basket Chieti – Globo Giulianova  87-61 (22-12; 42-32; 61-41)

Chieti: Insegno, Meluzzi 14, Di Carmine 6, Gialloreto 2, Mijatovic 1, Rezzano 10, Giannini, Stanic 12, Ponziani 10, Ruggiero 17, Raicevic 2, Sanna 13. All. Sorgentone
Giulianova: Piccone 5, Hidalgo 21, Markus 8, Fall 4, Cianella, Balic 11, Sebastianelli 6, Piccoli 2, Chiti 4, Gobbato. All. Ciocca

Lascia un commento

Prima di inviare, rispondi alla domanda.

Quanto fa 4 moltiplicato per 8?