Condividi
La Globo Giulianova, nell’ultima gara casalinga del 2019, non è riuscita a dare continuità alla bella vittoria di domenica scorsa contro Ancona e, dopo una partita combattuta, ha dovuto cedere l’onore delle armi alla New Flying Balls Ozzano che ha espugnato il PalaCastrum con il punteggio finale di 67-74. Dopo una settimana oltremodo condizionata dagli infortuni, i giallorossi hanno provato a buttare il cuore oltre l’ostacolo ma hanno avuto a che fare con un Ozzano cinico e preciso nei momenti caldi della gara. Tra le fila giuliesi da sottolineare la prestazione di Cardellini, che ha giocato con i postumi di un infortunio, che ha portato a casa 17 punti (tutti segnati nel parziale di 23-0 che ha deciso il terzo periodo di gioco), di Hidalgo con 15 punti e Fall autore di una doppia doppia da 13 punti e ben 19 rimbalzi. Ozzano, implacabile dalla linea dei tre punti quando la partita si faceva calda, ha potuto contare sulle solide prestazioni del trio Corcelli-Morara-Chiusolo autori di 39 punti complessivi sui 74 di squadra.
Giulianova sceglieva di partire con Cardellini, Hidalgo, Chiti, Gobbato e Fall mentre gli ospiti rispondevano con Chiusolo, Montanari Mastrangelo, Iattoni e Crespi
Il primo canestro della gara era ad opera di Gobbato ma nei primi minuti gli attacchi faticavano a trovare continuità tanto che al 3’ il punteggio era ancora fermo sul 2-0. A sbloccare la situazione di stasi era Chiusolo che si metteva in proprio propiziando il 2-5 del 4’. Giulianova trovava buone cose da Fall e Chiti, poi ci pensava Hidalgo con 5 punti in fila a lanciare i suoi sul +4 (11-7 al 7’). La partita andava avanti a strappi con break e controbreak con le due squadre che si alternavano al comando (15-14 al 10’).

Ozzano iniziava il secondo periodo spingendo sull’accelleratore e metteva subito a segno un parziale di 0-9 (15-23 al 12’) che costringeva coach Ciocca a chiamare un obbligato time-out. A sbloccare la Globo ci pensava Sebastianelli che segnava i primi 3 punti della sua gara. Le percentuali al tiro però non sorridevano ai giallorossi mentre gli ospiti, dopo il 2/8 dall’arco dei primi 10’, in 5’ del secondo periodo mettevano a segno ben 4 triple (20-30 al 15’30). Il vantaggio di Ozzano arrivava fino al +15 (20-35 al 16’30), sfruttando anche un zone-press particolarmente fastidiosa per l’attacco giallorosso. Hidalgo provava a suonare la carica attaccando ferocemente il canestro, e con un paio di magie dimezzava lo svantaggio giallorosso fino a portalo sul -8 del 18’40” (27-35). Nell’ultimo minuto del primo tempo un paio di leggerezze difensive della Globo costavano il  29-39 che mandava le due squadre negli spogliatoi per il riposo lungo.

Al ritorno in campo Ozzano metteva sul tabellone subito un 5-0 che dilatava il vantaggio a 15 punti (29-44). Coach Ciocca provava a mescolare le carte in tavola provando la difesa a “zona”, per cercare di mettere qualche granello di sabbia nei meccanismi offensivi, pressoché, perfetti degli ospiti. Al 25’ lo svantaggio della Globo si riduceva a 7 punti anche grazie ad un Cardellini, da 6 punti in 5’, che si prendeva letteralmente i suoi sulle spalle (37-44). Al gran balletto si univa anche Chiti che segnava 4 punti in un amen, buoni per il -3 (41-44). Cardellini era letteralmente indemoniato (17 punti nel solo terzo periodo) e con tre triple in serie e due tiri liberi messi a segno portava i suoi sul 52-44, dopo un clamoroso parziale di 23-0. Il parziale veniva interrotto da Mastrangelo che praticamente allo scadere del del periodo segnava la tripla del 52-47.

L’inizio ultimo quarto, come il precedente, era di marca ospite. Ozzano infatti al 33’ si riportava in perfetta parità sul 54-54. A tirare la Globo fuori dai guai ci pensava Fall, che di pura energia metteva 5 punti a referto (57-56 al 33’30) che valevano il +1 Giulianova. Morara, il più in palla dei suoi, con il suo dodicesimo punto personale permetteva ad Ozzano di rimettere il naso avanti, poi Galassi, cavando il classico coniglio dal cilindro, firmava dalla lunga distanza il +5 (57-62). Gli ospiti si portavano anche sul +10 (59-69 al 36’), sfruttando qualche errore di troppo di una Globo che continuava a litigare con il canestro. 4 punti di Hidalgo ed un lay-up di Fall riportavano i giallorossi con due possessi di svantaggio quando sul cronometro mancavano solo 140” da giocare (65-69). La Globo per due volte aveva in mano il pallone del -2 ma non riusciva a trovare la via del canestro, dall’altra parte invece Corcelli metteva la tripla del +7 (65-72), quando sul rimanevano solo 45” da giocare, decidendo di fatto la partita. Chiti segnava i liberi del -5 (67-72) ma in casa Ozzano Morara faceva lo stesso fissando il punteggio sul 67-74 che chiudeva il match.


Globo Giulianova – Sinermatic Ozzano 67-74 (15-14, 14-25, 23-8, 15-27)

Giulianova Basket 85: Mattia Cardellini 17 (3/4, 3/8), Shaquille Hidalgo 15 (5/14, 1/1), Yande Fall 13 (6/15, 0/0), Raphael Chiti 12 (4/8, 0/7), Fabrizio Piccone 5 (1/5, 1/2), Fabio Sebastianelli 3 (0/0, 1/2), Enrico Gobbato 2 (1/1, 0/1), Marcello Piccoli 0 (0/0, 0/0), Marco Cianella 0 (0/0, 0/0), Nikola Markus 0 (0/0, 0/0), Hidalgo Quiroz 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 10 – Rimbalzi: 33 7 + 26 (Yande Fall 19) – Assist: 2 (Mattia Cardellini, Shaquille Hidalgo 1)
Sinermatic Ozzano: Nunzio Corcelli 15 (2/3, 3/4), Marco Morara 14 (4/5, 1/2), Mario Chiusolo 10 (1/5, 2/10), Riccardo Iattoni 9 (3/4, 1/3), Matteo Galassi 8 (1/2, 2/4), Luigi Dordei 5 (0/3, 1/2), Lorenzo Folli 5 (2/2, 0/0), Riccardo Crespi 3 (0/3, 1/2), Nicola Mastrangelo 3 (0/0, 1/1), Luca Montanari 2 (1/5, 0/3), Alessandro Lolli 0 (0/0, 0/0), Giancarlo Favali 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 13 – Rimbalzi: 36 7 + 29 (Riccardo Crespi 11) – Assist: 1 (Marco Morara 1)