Condividi

La Globo Giulianova ce l’ha messa tutta ma non è riuscita nell’impresa di portare la serie di semifinale contro Montegranaro fino a Gara 3. Il 70-88 finale rende merito, ad una squadra, quella ospite, che si è dimostrata una volta di più la più seria candidata al salto di categoria.
Coach Tempera parte in quintetto con Sacripante, Pappacena e Bigi come esterni e Conti e Travaglini a lottare sotto i tabelloni. Gli ospiti, guidati in panchina dal giuliese Piero Bianchi, rispondono con Cappella, Montuori, Boffini, Fenati e Benini.
L’inizio gara è tutto di marca ospite tanto che dopo 4’20” si è già sul 0-9 grazie a 9 punti di un indiavolato Benini, che si dimostra una volta in più un vero lusso per la categoria. Lo staff tecnico giuliese è costretto quindi ad un obbligato time-out, per cercare di rimettere a posto le cose. Al ritorno in campo coach Tempera lancia nei cinque Di Lauro al posto di un evanescente Bigi, per cercare di rimescolare le “carte in tavola”. Il primo canestro giuliese lo segna Conti dopo 5′ di gara ed è una sorta di liberazione, tanto che la Globo inizia finalmente a giocare. Gli ospiti però esprimono un basket migliore, specie in fase difensiva, e con due liberi di Boffini si portano sul +10 (6-16 al 7’30”). La Globo Giulianova, penalizzata da brutte percentuali al tiro, soffre il dominio sotto le plance dei marchigiani che con i suoi lunghi, sporcano tutti i tiri e questo porta poi a facili contropiedi che i ragazzi di coach Bianchi concretizzano al meglio (6-22 al 9’20). Il vantaggio ospite poi, grazie ad una penetrazione in zona centrale di Montuori, tocca proprio allo scadere del quarto il +15 (9-24).
In apertura di secondo quarto subito la tripla di Iagrosso per il 12-24 e la Globo sembra svegliarsi ma ancora Benini con il suo tredicesimo punto personale riporta i suoi sul +14 (15-29 al 13’20”). Coach Tempera prova a ruotare i suoi lunghi inserendo in campo anche l’atletismo di Pira, subito sulle tracce di Benini. La Globo per cercare di fermare le sfuriate offensive degli ospiti passa a “zona” e questo porta ad un paio di palle rubate da parte di Sacripante Bianchi alla prima avvisaglia di difficoltà, nonsotante il + 14 (19-33 al 15’30”) chiama subito time-out. Al ritorno in campo due triple di Nasini portano gli ospiti quasi a doppiare la formazione giuliese (20-39 al 17’20’) ed il vantaggio negli ultimi minuti della prima metà gara cresce ancora fino ad arriva sul +25 (22-47) grazie alle triple di Nasini
Al ritorno in campo dopo la pausa lunga Travaglini con 5 punti in fila prova a suonare la carica (27-47 al 21’35”) ma dall’altra parte Montegranaro non molla ed in meno di un minuto allunga portandosi sul +26 (27-53). Travaglini, con la consueta grinta, e Pappacena sono i migliori della Globo ma possono poco contro una Poderosa che non sbaglia un colpo grazie a percentuali al tiro molto alte ed alla ottima serata della coppia Benini-Nasini (39 punti su 59 di marchigiani). L’ingresso in campo di Iagrosso dà maggiore pericolosità offensiva ai giallorossi e proprio una sua tripla (49-65 al 29’25”) dà un po’ di fiato alla Globo che con una bella azione personale di Sacripante chiude il terzo quarto sul punteggio di 51-65 riaprendo di fatto la gara, al termine di un periodo di gioco dove la formazione di casa ha tirato con l’81% totale dal campo (10/10 da 2 e 3/6 da tre).
L’ultimo quarto vede la formazione giallorossa tornare sul -11 (56-67 al 32′) mettendo più di un grattacapo ad una Poderosa ritornata a tirare con percentuali più “umane”. Sacripante con due tiri liberi riporta lo svantaggio in singola cifra (58-67 al 33′), cosa che non accedeva dal 7′ del primo quarto. Lo spavento dura però poco perchè Montegranaro,nel frattempo passata a “zona”, inserisce le marce alte ed in meno di due minuti mette a segno un parziale di 7-0 che li porta dopo 35’13” di gioco sul punteggio di 61-76. Il vantaggio un minuto dopo tornava sul +20 (61-81 al 36’30”) e la partita in pratica finiva lì, gli ultimi 3 giri di lancette servivano solo per arrotondare i tabellini personali fino al 70-88 che chiudeva la gara e regalava alla Poderosa l’accesso alla serie di finale. Per la Globo, uscita tra gli applausi del proprio pubblico resta comunque la soddisfazione di aver giocato lo stesso una grande stagione.

Statistiche
Play by play