Condividi
(da pallacanestropescara.it)

Ripescata quest’estate la Biofox Vasto è tornata, dopo oltre dieci anni di assenza, a disputare il campionato di C Dilettanti. Nona in classifica con 12 punti, 6v e 8 p, la squadra del presidente Spadaccini è stata costruita per arrivare ad una salvezza tranquilla, ma in questo campionato dalle mille sorprese l’orgoglio vastese non si pone limiti mirando anche ad una qualificazione ai play-off che sarebbe il regalo più grande per i 40 anni d’attività del Vasto Basket. Dopo il successo casalingo contro l’Alidaunia Trinitapoli, la Biofox arriva al PalaCastrum con l’obiettivo di vendicare la sconfitta sul parquet amico dell’andata. Il confermatissimo coach Della Godenza schiera nel quintetto titolare il playmaker Valerio D’Alessandro, ottimo difensore, settimo nella classifica delle palle recuperate ma anche buon realizzatore con 10 punti di media a partita realizzate. Massimo Mariani è la guardia, anche lui con 10 punti di media a partita, arrivato dalla C Regionale di Lanciano. L’ala piccola Gabriele Campi, è il miglior realizzatore della squadra con 15,36 punti di media ed è il 5° cannoniere del girone G. Sotto canestro, a garantire sostanza e presenza a rimbalzo, ci sono i lunghi Giuseppe Bonaiuto, buon rimbalzista con tanti punti nelle mani, 13 di media, e l’ex Salerno Raffaello Sammartino, 8 rimbalzi a partita e torre della squadra con i suoi 200 cm. Dalla panchina escono le 2 bandiere del basket vastese, 25 anni di militanza con la Biofox, Sergio Desiati, playmaker, e Saverio Celenza, ala, che danno minuti di riposo ai titolari garantendo anche esperienza al gruppo. Nelle rotazioni di coach Della Godenza ci sono anche gli esterni Marinaro, proveniente dalle giovanili del Teramo, e Di Tizio, con Ierbs ed i giovani Laccetti, Salvatorelli e Maggio a completare l’organico.